Cenni di contattologia: lenti sferiche, multifocali e toriche.

 In PREVENZIONE

Se nello scorso articolo abbiamo affrontato, a grandi linee, i tipi di lenti a contatto attualmente in commercio, oggi andremo ad analizzare nello specifico le lenti a contatto specifiche per ogni singolo difetto visivo.

Miopia e ipermetropia: questi due vizi di refrazione comportano difficoltà nel mettere a fuoco oggetti vicini (ipermetropia) o distanti (miopia). Le lenti a contatto più indicate per questi disturbi sono le lenti sferiche perché la loro geometria permette ai raggi luminosi di riflettersi perfettamente sulla retina. Nel caso di miopia le lenti presentano uno spessore maggiore ai bordi; per correggere l’ipermetropia, invece, i bordi sono più sottili rispetto alla parte centrale.

Astigmatismo: il difetto visivo si verifica a causa di una deformazione della cornea che comporta una visione sfocata e poco nitida in quanto non tutti i raggi i luce vengono messi a fuoco. Per l’astigmatismo sono state create le lenti a contatto correttive toriche, che sono asferiche e, quindi, giocano su parametri variabili come l’asse (Axis) e il cilindro (CYL), a seconda della forma e natura dell’occhio.

Presbiopia: il disturbo legato all’età si presenta quando il cristallino comincia a diventare meno flessibile causando difficoltà nel mettere a fuoco oggetti da lontano a vicino. Per questo genere di disturbo si propongono le lenti a contatto multifocali, anche astigmatiche.

Nella nostra ottica scegliamo i marchi più innovativi della contattologia mondiale, per lenti che garantiscono praticità, comfort e, soprattutto, benessere dei nostri occhi. I nostri esperti sapranno consigliarvi la soluzione che più fa per voi.

Recent Posts

Leave a Comment

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text. captcha txt

Start typing and press Enter to search